.
.
come-usare-google-trends-promuovere-servizi
Mercoledì, 11 Luglio 2018

Come usare Google Trends per promuovere i tuoi servizi

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 133 volte

Ben ritrovati sul mio blog!

Realizzare contenuti per il blog ispirati alle novità del settore è una pratica che ti consente di calamitare l’attenzione del tuo pubblico su argomenti rilevanti in un dato momento, e di dimostrare che sei un professionista attento alle novità che possono riguardare anche i tuoi clienti.

Gran parte delle ricerche su Google hanno carattere informativo, e focalizzarsi su un blog in grado di offrire aggiornamenti esaustivi, originali e di valore significa porsi come professionisti competenti ed esperti nel proprio ambito. L’attività di produzione articoli per il blog richiede una valida e continuativa attività di ricerca di fonti di valore e di argomenti di attualità che possono interessare il nostro pubblico. 

Google Trends è uno strumento tanto utile quanto semplice da utilizzare per individuare picchi di interesse relativi a determinati argomenti. Una volta entrato nello strumento, puoi digitare il termine attorno al quale vuoi svolgere le ricerche e scegliere la specificazione più opportuna.

Se digiti App mobile, ad esempio, lo strumento ti suggerisce alcune alternative sulle quali puoi concentrare le tue analisi.

Puoi scegliere infatti se analizzare:

  • App mobile (termine di ricerca)
  • Applicazione mobile (tipo di applicazione)
  • Sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili (argomento)
  • BlueStacks (azienda)

Anche se si tratta di varianti appartenenti allo stesso argomento, puoi intuire che ciascuno di essi si rivolge ad un diverso genere di richiesta informativa:

  • App mobile (termine di ricerca) si riferisce all’argomento generale ed è adatto a valutare i cambiamenti di interesse nel pubblico “neutro”
  • Applicazione mobile (tipo di applicazione) rivolge l’attenzione proprio al genere di soluzioni ed è adatto a valutare l’interesse per il “prodotto” applicazioni
  • Sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili (argomento): è riferito all’attività di creazione di app vera e propria perciò è indicato per valutare l’interesse in ambito programmazione
  • BlueStacks ti suggerisce un brand di rilievo nel settore delle app mobile. Significa che puoi verificare le novità del brand per quanto riguarda l’argomento di interesse perché può portare a evidenziare temi correlati rilevanti per il tuo pubblico.

In ogni caso puoi confrontare più termini di ricerca allo stesso tempo per verificare in una sola schermata come si evolvono gli interessi in relazione a ogni termine.

Per ogni ricerca con Google Trends puoi definire vari parametri:

  • Paese: la nazionalità delle ricerche
  • Periodo: puoi selezionare una fascia temporale che va dall’ultima ora fino al 2004, compresi gli intervalli personalizzati al loro interno
  • Categorie: puoi indicare il settore di riferimento per ridurre al minimo le ambiguità
  • Ricerca: seleziona il canale di Google al quale vuoi rivolgere la ricerca (Immagini, News, Shopping, Youtube)

Il risultato è un grafico che mostra l’andamento delle ricerche su Google delle parole che hai selezionato nel tempo, molto utile per comprendere alla semplice vista se ci sono sensibili variazioni del volume di ricerca nel tempo.

Una volta stabilito il Paese di riferimento e impostata la ricerca, lo strumento restituisce una suddivisione delle ricerche registrate per Regione in ordine decrescente: ciò ti offre importanti informazioni per la promozione di contenuti geolocalizzati, per intuire su quale territorio essi potrebbero incontrare più interesse.

La schermata in basso a sinistra informa l’utente degli argomenti correlati, ovvero di quei temi che sono stati cercati da coloro che hanno mostrato interesse per il termine analizzato. Essi vengono ordinati per volume di interesse e riportano la dicitura “in aumento” se si tratta di termini che hanno visto un’esplosione di ricerche negli ultimi tempi (ad esempio, nel caso di argomenti fino ad allora non cercati).

In basso a destra vediamo il box delle query associate: si tratta di quelle ricerche di informazioni attinenti al tema che ti interessa, anch’esse ordinate per volume di ricerca e riportando la voce “impennata” in occasione dei termini che hanno visto un boom recente di ricerca.

Se il tuo business consiste nello sviluppare app professionali potresti realizzare degli aggiornamenti che riguardano il tuo genere di attività: nello stesso tempo in cui ti documenti sulle novità sulle quali devi essere informato ottieni informazioni che puoi rielaborare nei contenuti del tuo blog aziendale.

Vuoi una mano nello scrivere contenuti ottimizzati per i motori di ricerca? Sono a tua disposizione!

Ad esempio, puoi partire da una news come quella relativa al fatto che Facebook ha modificato le policy di accesso alle proprie API dopo lo scandalo Cambridge Analytica per quanto riguarda l’utilizzo dei dati degli utenti.

Prima di tutto focalizzati su ciò che costituisce il vero fulcro d’attenzione per i tuoi lettori; se ti rivolgi a degli sviluppatori, potresti pensare a rispondere ad argomenti come:

  • come cambierà il modo di sviluppare applicazioni che si integrino con Facebook
  • se le app già realizzate risentiranno per quanto riguarda il login automatico con Facebook
  • quali generi di criteri Facebook adotta per valutare l’opportunità delle app esterne di appoggiarsi alle sue API

Grazie a Google Trends, puoi individuare parole che hanno visto un picco di interesse recentemente e utilizzarle come termini di ricerca aggiuntivi su Google per approfondimenti. Integrare nel tuo articolo gli argomenti correlati che hanno visto un’esplosione di interesse ti permette di incentivare la lettura dell’articolo grazie agli agganci con gli argomenti rilevanti per il pubblico.

Se devi promuovere servizi locali, dovresti prestare molta attenzione alla differenziazione per località delle ricerche più popolari, in questo modo puoi intuire se sono avvenuti eventi particolari (inaugurazioni di punti vendita, annunci di associazioni commerciali, eventi segnalati in TV) che possono avere supportata la crescita di interesse localizzata in un dato periodo.

E tu, che cosa ne pensi?

Utilizzi già Google Trends per individuare nuovi spunti per generare contenuti attraenti e utili per i lettori?

Commenta questo articolo per raccontarmi la tua opinione!

Gianluigi Canducci

Gianluigi Canducci

Web Designer freelance con esperienza in campo SEO e Social Media Marketing con oltre 10 anni di esperienza. Vivo a Cervia ma lavoro anche a Rimini, Forlì e Cesena e Ravenna e più in generale su tutto il territorio nazionale.

Offro servizi di Copywriting in ottica SEO per creare testi adatti a promuovere attività e brand locali sui motori di ricerca, aiuto professionisti e imprenditori in Emilia Romagna e oltre a sviluppare campagne pubblicitarie sui Social Network per promuovere eventi e attività sul territorio. Realizzo e gestisco siti aziendali, e-commerce e blog, curo campagne promozionali per i social media e creo newsletter per aziende e professionisti locali.

Anche se sono un freelance amo lo stesso lavorare in team! Nel corso degli anni ho messo insieme una squadra di professionisti specializzati con cui collaboro per offrire ai miei clienti un servizio ancora più ricco, completo e vantaggioso.

Hai bisogno di una consulenza? Sono qui per aiutarti, contattami senza impegno.

L'articolo "Come usare Google Trends per promuovere i tuoi servizi" è stato letto 133 volte

Totale commenti: (0)

Non ci sono ancora dei commenti. Commenta l'articolo per primo!

Lascia qui i tuoi commenti

Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location